Vai direttamente ai contenuti della pagina

Emblema della Repubblica Italiana

Presidenza del Consiglio dei Ministri

DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITÀ

Rete per le Pari Opportunità

Testata registrata - n. 73/2008 del 26/02/08

Aiuto alla navigazione

Approfondimenti
Progetto "Donne, Università e Lavoro"

                                                logo PROGETTO: ORIENTAMENTO E MATCHING IN OTTICA DI GENERE
Il Dipartimento per le Pari Opportunità ha promosso, nell’ambito del Programma PON GAS 2007-2013, obiettivo Convergenza, Asse D, Obiettivo specifico 4.1 “Pari opportunità e non discriminazione”, un’azione per la realizzazione di “interventi volti a favorire l’accesso al lavoro delle donne attraverso il supporto all’attivazione sperimentale di innovative modalità di matching tra domanda di lavoro connesse ai fabbisogni specifici dei sistemi produttivi ed economici territoriali e l’offerta formativa proposta dal sistema universitario presente nelle regioni dell’obiettivo convergenza”.

Il progetto affidato all’RTI Conform -MBS Consulting è iniziato il 12 ottobre 2014 e si concluderà nell’ottobre 2015.

Finalità generali

L’attività prevede la realizzazione di un’azione di sistema al fine di promuovere l’avvio di sperimentazioni con particolare riguardo all’innovazione per favorire il matching tra domanda di lavoro e l’offerta formativa così come viene espressa dal sistema universitario nelle RegioniObiettivo Convergenza, focalizzando l’attenzione sulle azioni di orientamento al lavoro, matching e azioni per la promozione dell’autoimpiego.

Per il raggiungimento dell’obiettivo il progetto è stato articolato in 5 attività così differenziate:

a) Iniziative di orientamento e matching

Il servizio prevede l’analisi di Buone prassi con la finalità di fornire indirizzi utili per pianificare nel futuro interventi mirati a favorire l’incrocio tra domanda /offerta di lavoro e l’offerta formativa proposta dal sistema universitario in particolare nelle Regioni convergenza, con una attenzione anche rivolta alle buone prassi internazionali.

Per la promozione del servizio 1 è stata prevista l’attivazione di un network sul territorio nazionale al fine di garantire una maggiore diffusione dei risultati e raccordo tra le attività ed iniziative promosse.

Le linee guida, oggetto di ulteriore perfezionamento durante la fase di sperimentazione, hanno l’obiettivo di definire e modellizzare una metodologia ad hoc per l’identificazione, la raccolta, la valutazione e la replicabilità di buone pratiche nazionali ed internazionali in un’ottica di genere volte a rafforzare il matching fra domanda ed offerta. Sono state strutturate per supportare la declinazione delle buone pratiche rispetto alle caratteristiche delle Regioni di Convergenza e costituiscono la base teorico-operativa per una prima indagine pilota all’interno delle Università oggetto di sperimentazione.

b) Azioni per integrazione impresa e università

Questa azione prevede la creazione di un modello di sportello Donna&Lavoro, in corso di sperimentazione presso le 4 Università selezionate nella sperimentazione, con l’obiettivo di favorire l’orientamento in uscita delle laureate/laureande.

Il percorso di orientamento in ottica di genere on line sviluppato dalla piattaforma Convergiamo, avrà il compito anche di aiutare le donne nella fase della ricerca attiva di lavoro.

A supporto del modello di sportello possono essere utilizzati altri strumenti informatici quali: la banca dati juslavoristica sui temi del lavoro e occupabilità www.nilo.info e un sistema di matching on line collegato a face book (jobfluid).

c) Azioni volte a favorire incontro domanda e offerta - Soluzioni organizzative e strumenti per la realizzazione

In coerenza con la sperimentazione dello sportello, realizzata dal Servizio 2, attraverso questa azione viene rafforzata l’azione sull’analisi e ed il trasferimento di buone prassi attraverso la sperimentazione.

Tale sperimentazione permetterà di definire ed integrare servizi aggiuntivi ed innovativi per lo sportello in modo da rafforzare i sistemi universitari volti all’autoimprenditorialità ed al matching fra imprese ed università, come ad esempio incubatori di start up sociali o acceleratori dell’università, training focalizzati sulla gestione di imprese, finanza, finanza sociale, business sociale.

Verrà creato un gruppo tematico su Linkedin destinato agli stakeholder del settore con la sperimentazione delle BP all’interno delle università.

d) Realizzazione di un modello di applicativo web

Il progetto prevede la modellizzazione di un applicativo web per mettere in evidenza come l’impatto di genere possa influenzare la ricerca attiva di lavoro, i processi di valutazione in entrata, etc:, un elemento non trascurabile per comprendere, nel complesso, le ragioni per cui la componente femminile trova maggiori difficoltà nella costruzione di percorsi professionali ascendenti e di successo.

e) Analisi e modellizzazione strumento informatico

L’azione prevede la modellizzazione e realizzazione di una piattaforma Web progettata secondo l’architettura Moodle per favorire l’interscambio e l’orientamento all’interno delle università. La piattaforma Convergiamo, attraverso i suoi tre percorsi orientativi, consentirà alle donne che si rivolgono agli sportelli di orientamento universitario di poter usufruire di uno specifico orientamento in ottica di genere.

f) Accompagnamento e animazione territoriale

Il progetto, e i risultati attesi, verranno diffusi tramite l’organizzazione di 4 workshop rivolti a operatori/ici degli sportelli universitari. Durante i lavori verranno presentati gli obiettivi generali, i servizi informativi e di orientamento previsti, il modello di sportello e la possibile sperimentazione.

E’ stata inoltre prevista l’organizzazione di 4 seminari rivolti alle destinatarie finali, ovvero giovani donne laureande, per rafforzare l’azione di consulenza e orientamento con la presentazione di brevi moduli riguardanti l’auto imprenditoria orientata ai nuovi mercati, tipo sharing economy e social innovation, con focus relativi ai fondi disponibili.

Questi eventi verranno organizzati nelle 4 Regioni Obiettivo Convergenza in relazione alle disponibilità delle Università coinvolte nelle sperimentazioni.