Vai direttamente ai contenuti della pagina

Emblema della Repubblica Italiana

Presidenza del Consiglio dei Ministri

DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITÀ

Rete per le Pari Opportunità

Testata registrata - n. 73/2008 del 26/02/08

Aiuto alla navigazione

Sei in: › HomeIl DipartimentoProgettiPRA.G.E.S.
logo unione europea
logo del settimo programma quadro

PRA.G.E.S. - PRActising Gender Equality in Science - English version


Il 28 marzo 2008 si sono concluse le procedure per la stipula della Convenzione tra l'Ue e il Dipartimento per le Pari Opportunità in merito al progetto Prages che si colloca all'interno del 7° Programma Quadro di Ricerca.
Il progetto "PRActising Gender Equality in Science" - PRA.G.E.S. consiste in un'azione di coordinamento, della durata di 21 mesi, finalizzata a comparare le diverse strategie attuate per promuovere la presenza delle donne nei posti decisionali relativi alla ricerca scientifica nelle istituzioni pubbliche.
L'azione ha l'obiettivo di raccogliere, classificare e valutare le buone pratiche e le azioni positive (incluse quelle in cui si rileva un contributo positivo degli uomini) realizzate nei paesi dell'OCDE, sia al livello nazionale che a quello delle singole istituzioni, e di metterle a disposizione, in una forma facilmente fruibile, di alcuni target selezionati, comprendenti sia decision-makers, sia soggetti interessati a diverso titolo al problema. Il progetto è caratterizzato dai quattro seguenti aspetti:
  • il tentativo di integrare i più importanti risultati derivanti dallo studio e dalle buone prassi di lotta alla segregazione verticale, sia nell'ambito della scienza, sia in vari altri ambiti professionali, sociali e politici;
  • il rafforzamento della comprensione dei legami tra l'esclusione delle donne e quella che può essere definita come una insufficiente socializzazione del genere nella scienza, vale a dire la resistenza della comunità scientifica nel riconoscere e gestire le dinamiche sociali e di genere che guidano la produzione e la valutazione della ricerca scientifica;
  • l'approccio comparativo, da un punto di vista geografico, con l'inclusione di 11 partner provenienti da 6 paesi sia europei che non europei (in particolare, gli Stati Uniti e l'Australia);
  • l'orientamento al benchmarking, soprattutto per concretizzare le indicazioni in termini di politiche.